di Iacopo Barison

 

David Eagleman, neuroscienziato di Stanford, pensa che ci sia qualcosa che va oltre la percezione umana della vista, del suono, del tatto, dell’odore e del gusto. Eagleman prevede infatti un futuro in cui gli esseri umani potranno sviluppare nuovi "sensi" per ogni tipo di informazione, usando la tecnologia indossabile per fornire dati al cervello.

Il neuroscienziato ha dedicato la sua intera carriera allo studio di come il cervello recepisce i segnali esterni e costruisce così la coscienza. Ha avuto una predilezione particolare per la sinestesia, una condizione neurologica in cui la stimolazione di uno dei cinque sensi crea una percezione simultanea e finisce per attivarne un altro – come gli individui che possono "sentire" i colori. Ad esempio, se il suo studio sulla sinestesia ha chiarito una cosa, è che le percezioni sensoriali umane non sono una riproduzione oggettiva della realtà, ma piuttosto un'inferenza che il cervello attinge dai segnali che riceve.

"Il cuore della sfida è che il cervello è bloccato nel silenzio e nell'oscurità all'interno del cranio. Tutto ciò che ottiene sono questi segnali elettrici, e deve mettere insieme la sua versione del mondo ", spiega Eagleman.

Sette anni fa, questa ricerca ha portato il neuroscienziato a concepire un innovativo dispositivo di aumento sensoriale, il trasduttore extra-sensoriale versatile, trascorrendo più di un anno a svilupparlo in laboratorio. La sua invenzione brevettata, che viene abbreviata con la sigla VEST, è un dispositivo costituito da 32 motori vibranti, che gli utenti indossano intorno al busto, proprio come un gilet sartoriale. Il VEST può contenere diversi tipi di dati, tutti elaborati in tempo reale – dalle onde sonore alle tendenze del mercato azionario – e li traduce in modelli dinamici. Con poche settimane di addestramento, Eagleman afferma che gli utenti possono imparare ad associare i pattern a specifici input.

Ma non è tutto. Eagleman prevede che nel tempo la percezione dei dati attraverso il VEST diventerà qualcosa di assolutamente naturale e spontaneo, come una sorta di riflesso incondizionato. "Sarà una cosa inconscia, proprio nello stesso modo in cui sentiamo o guardiamo le cose", dice. "Non sappiamo con certezza in che cosa si tradurrà effettivamente, ma quello che possiamo dire che sarà una rivoluzione”.

La teoria accademica di Eagleman, nonché il progetto di laboratorio di ricerca, si sono trasformati rapidamente in una società di venture capital chiamata NeoSensory. La sua incursione nell'economia startup della Silicon Valley è stata una "curva ripida", ma la transizione, insieme al contributo dei finanziatori, ha aiutato il team a individuare un punto di partenza chiaro per portare questa tecnologia sul mercato: la comunità dei non udenti.

Se tutto andrà come deve andare, NeoSensory cambierà per sempre il mercato dei dispositivi medici per aiutare i non udenti. Dalla metà degli anni '80, l'impianto cocleare è  il dispositivo principale che i sordi e gli audiolesi utilizzano per connettersi con il mondo uditivo. Tuttavia, gli impianti cocleari devono essere incorporati chirurgicamente nell'orecchio, una procedura che può costare fino a $ 100.000 con alcune settimane di recupero. Il VEST offre un'alternativa non chirurgica agli impianti per circa $ 2000 e secondo Eagleman i risultati saranno migliori per l'utente, specialmente in caso di sordità precoce.

Il team di Eagleman è attualmente impegnato a testare i prototipi di VEST su persone non udenti. I risultati, sebbene preliminari, sono incoraggianti: Eagleman riferisce che i suoi volontari sono stati in grado di imparare a interpretare l'audio dalle vibrazioni in poche settimane.

Greg Oxley, che soffre di ipoacusia, ovvero una diminuita percezione dei suoni rispetto a un normoudente, si è offerto volontario per testare il dispositivo. "Ora, con il VEST, è molto più facile capire le persone. La vibrazione è decisamente accurata, più accurata di un apparecchio acustico", ha detto Oxley in un recente video di Al Jazeera. Insomma, staremo a vedere – o meglio… a sentire!