L'offerta di lavoro che fa per te? Ci pensa Google. Il motore di ricerca di Big G è già un approdo naturale per milioni di utenti a caccia di annunci e posizioni aperte in tutto il mondo.
Ora, però, l'azienda ha deciso di fare un passo in avanti congegnando un servizio di ricerca interna e autonomo: Google for jobs, una piattaforma che sfrutta le potenzialità dell'intelligenza artificiale per indirizzare gli utenti nella ricerca di opportunità adatte. Ai “naviganti” basta inserire alcuni dettagli per essere reindirizzati sulle pagine più appetibili che emergono tra social network o siti di carriere a tutti gli effetti: dall'agenzia di lavoro online Monster al portale di professionisti Glassdoor Rispetto all'ampia concorrenza nel settore, Google for Jobs fa leva su tecnologie di machine learning (apprendimento automatico) per capire meglio gli input e affinare la scelta nell'enorme flusso di dati a disposizione tra domanda e offerta di posizioni. Una sfida, e un nuovo termine di confronto, per colossi del calibro di LinkedIn: il servizio è identico, ma la qualità delle soluzioni di artificial intelligence potrebbe fare la differenza nello scontro con il “re dei social lavorativi”.