Zebra Medical Vision, una startup israeliana capitanata da Eyal Gura, ha siglato un accordo con Google per impiegare la sua tecnologia di intelligenza artificiale in vari ospedali in tutto il mondo. In cosa consiste l’innovazione del modello, rispetto al boom di startup che gravitano intorno all’healthcare? Zebra Medical Vision ha dimostrato che, con le sue tecnologie di deep learning, le macchine adottate in ambito sanitario imparano con maggiore rapidità, più precisione e meno spese rispetto alla concorrenza. La sanità è uno dei diversi settori che sta attirando l’interesse di Google, nel tentativo di diversificare i profitti rispetto ai business fondanti di ricerche online e pubblicità digitali. E la sfida sembra essere promettente, se si considera il giro d’affari miliardario generato dalle applicazioni tecnologiche in ambito medico. Una stima Frost&Sullivan, una società di consulenti, prevede una crescita del 40% nel rendimento degli investimenti in intelligenza artificiale per la sanità entro il 2021. Fondata nel 2014, Zebra è stata premiata fra le 10 startup israeliane più interessanti nel segmento Ai e ha raccolto 20 milioni di dollari in vari round nell’arco di meno di tre anni.