di Mattia Nesto

Che cosa c’è di più affascinante e suggestivo di un’isola fantasma, dove, per varie ragioni, gli uomini si sono dovuti allontanare e dove la Natura ha ripreso pieno possesso? Sul sito AtlasOscura.com è stata stilata una classifica che raggruppa le otto isole più interessanti da visitare e le sorprese sono molte. Si parte con l’isola di Hashima, una sorta di 'grosso scoglio fortificato' al largo della costa del Giappone ed abbandonato dal 1974. L’isola era sede di un complesso estrattivo minerario ed essendo collocata in una zona spesso colpita da tempeste marine è stata completamente fortificata: proprio per questo ha preso il soprannome di gunkanjima, ovvero 'tifone-resistente'. Si prosegue poi con Holland Island, a Chesapeake Bay nel Maryland. L’isola di Olanda non è stata chiamata così a caso: nonostante vi siano insediamenti da più di 600 anni, il terreno letteralmente viene eroso dalle acque e l’isola ormai è solo parzialmente visibile dall’alto. Visto e considerato l’andamento inesorabile dell’erosione naturale occorre affrettarsi per visitare questo 'misto di terra e mare'.

Andando avanti nel tour non si possono non citare i casi di Herschel Island nello Yukon e di Ross Island in India. Sebbene l’isola canadese e quella indiana non potrebbero essere più differenti, e per clima e per storia, entrambe sono disabitate da tempo e offrono scenari mozzafiato di natura incontaminata. In India a dominare è una lussureggiante foresta di ficus selvatico mentre nello Yukon la protagonista indiscussa è la stazione baleniera ormai intrappolata nei ghiacci. In Scozia c’è la piccola isola di Hirta che, ininterrottamente abitata addirittura dalla preistoria, dagli anni Trenta è stata evacuata a causa dei temporali e della scarsità delle risorse. Oggi gli antichissimi muri di pietra si stanno sgretolando e l’isola, appartenente all’arcipelago di St. Kilda non è mai stata così affascinante. Se la Nord Brother Island a largo di New York è un sito suggestivo e sinistro, con i resti dell’ospedale psichiatrico, chiudiamo il nostro giro del mondo delle isole fantasma con gli atolli di Spinalonga a Creta e con l’Isola di Poveglia in Italia. Queste due isole del Mediterraneo, oltre ad ospitare un ricco patrimonio artistico e architettonico, sono due vere e proprie perle dei nostri mari. Disabitate poi sono ancora più fascinose e romantiche.