di Caterina Vasaturo

Oltre 200 espositori per 4mila 400 visitatori. Tre enormi ambienti, disposti su un’area di 800 metri quadrati. È il Cosmetics 360, colossale Salone di Bellezza parigino, giunto alla sua terza edizione. L’evento, organizzato presso il Carrousel du Louvre dalla Cosmetic Valley – il competitivo cluster francese dedicato al settore dei trucchi e dell’estetica –, quest’anno si pone l’obiettivo di promuovere l’innovazione digitale nel campo della cosmesi. Trenta le start-up partecipanti, tutte portatrici di avanguardistici progetti. Come l’Aryballe Technology, dispositivo elettronico capace d’identificare gli odori, o l’Oxiproteomics, tecnica che previene l’invecchiamento della pelle grazie all’ossidazione delle proteine. Vi sono, poi, Zéo, polvere assorbente naturale al 100%, che assicura un’asciugatura ultra veloce dei capelli, ed Exhalia, bar olfattivo-interattivo, in cui annusare le essenze. E ancora, gli inchiostri da imballaggio elettronici Saralon GmbH, e l’applicazione mobile Waw, specializzata nella vendita di sacchetti cosmetici in tutto il mondo.

Concepita come un’area d’incubazione completa, in cui gli imprenditori hanno la possibilità di presentare le proprie idee a un comitato di esperti e d’investitori, la kermesse Made in Parigi ha programmato ben 150 appuntamenti con i rappresentanti di una ventina di Paesi, selezionati non solo da piccole e medie imprese, ma soprattutto da cinque prestigiose multinazionali: parliamo di aziende di prim’ordine, quali Chanel, Johnson & Johnson, L’Oréal, LVMH Research e Shiseido. Ma il punto culminante dello spettacolo è il debutto dell’Hackaton C360, che ha riunito 50 studenti ed esperti di marketing, designer, programmatori, creatori, sviluppatori e ingegneri, provenienti da 22 scuole francesi, raggruppandoli in sette squadre per un brainstorming sul tema “Reveal Your Perception”. A vincere è stato il conceptU Scent”, il quale ha immaginato di testare e scegliere il giusto profumo online. Moltiplicare la ricerca e la collaborazione, unire le risorse. Sono questi gli ingredienti che rendono l’industria cosmetica sempre più forte, intraprendente e visibile. Anche in un mondo in continua evoluzione, come quello della rivoluzione digitale.