di Giancarlo Magenta

La guida automatizzata in totale sicurezza è, senza ombra di dubbio, l’argomento principale nel mondo dei motori in questi ultimi anni. A tale discussione si aggiunge oggi un importante tema. Infatti non passeranno molti anni da quando in Formula 1 potremo ammirare una safety car completamente automatizzata. La tecnologia della guida automatizzata quindi, relativamente 'giovane' e introdotta da pochi anni, in un futuro molto vicino reciterà un ruolo principale nel campionato di motori più competitivo ed importante al mondo. In un'intervista esclusiva a Motorsport.com Marcin Budkowski, responsabile del dipartimento tecnico F1, ha infatti dichiarato: “Una safety car senza conducente sarebbe un buon modo per dimostrare sul campo i progressi automobilistici senza compromettere lo spettacolo. Un segnale di forza per una tecnologia che è destinata a prendere sempre più piede nella vita di tutti i giorni senza però che i piloti vedano minimamente intaccato il loro ruolo centrale”.

Eppure la domande che circola nell’ambiente non può che essere questa: si vedranno mai delle auto di Formula 1 senza pilota? A tal proposito Budkowski si dimostra altamente scettico: “Non penso vi potrà mai essere un reale interesse ad un’auto di Formula 1 senza pilota. Andrebbe a cadere il senso ultimo di questo sport, l’abilità dei singoli piloti, i rapporti umani che si vanno a creare con il team e con gli altri guidatori. Comprendo tuttavia – ha aggiunto il responsabile automobilistico – come un’auto senza pilota che corra a oltre 300 chilometri all’ora e, magari, possa battere un pilota umano, sia un’idea stimolante, ma la trovo più una boutade da bar piuttosto che un concreto obiettivo nel prossimo futuro”.

Quindi i roborace, così come sono state chiamate queste possibili corse tra robot, difficilmente si potranno ammirare nella formula principe; ma la robotizzazione delle safety car è un qualcosa di altamente concreto e non passeranno troppi anni da quando ci sembrerà normale, a fianco dei più importanti piloti “umani” del circus, veder sfrecciare un auto senza conducente.