di Roberta Vasta

 

Anche quest’anno si sono svolti i D&AD Impact Awards in cui si premiano le idee creative che contribuiscono alla creazione di un mondo più sicuro, equo e sostenibile.

Fra le idee degne di nota bisogna menzionare Homeboy Recycling grazie al quale è possibile il riciclaggio dell’e-waste, ossia di tutte le apparecchiature elettroniche che costituiscono oggigiorno una grandissima quantità di rifiuti.

Una creazione che rivoluzionerà il mondo dei giocattoli è Cubetto, un robottino di legno che insegna ai bambini in età prescolare la basi della programmazione senza l’ausilio di uno schermo ma attraverso lo storytelling e il gioco manuale.

È il momento della tanto chiacchierata Fearless Girl, la statua di bronzo posizionata davanti al famoso toro di Wall Street, in occasione dello scorso 8 marzo da una nota compagnia statunitense. La statua ha creato un fervente dibattito sul ruolo della donna nel mondo del lavoro. Il verdetto? C’è ancora molta strada da fare!

In seguito al recente studio di Greenpeace Cina secondo cui il 90% della frutta e della verdura sono contaminate da almeno un tipo di pesticida, il primo gruppo di distribuzione britannico ha lanciato sul mercato le Safety Bags. Questi speciali sacchetti fotocatalitici sono in grado di eliminare i pesticidi permettendo ai consumatori di mangiare frutta e verdura più naturali.

Nella cultura araba parlare del cancro al seno è un vero e proprio tabù. Per questa ragione, negli Emirati è stata lanciata un’iniziativa chiamata Footnote for the Breast. Sono stati posizionati dei sassolini nelle scarpe lasciate all’ingresso della moschea prima della preghiera dalle donne, le quali una volta rimesse le scarpe hanno avvertito un fastidio che avrebbe dovuto ricordar loro quello di un nodulo al seno. L’iniziativa ha riscosso grande successo: 18.628 donne sono state coinvolte, il 33% di loro ha chiamato il numero verde stampato sul sassolino e ben 5.290 di loro hanno deciso di fare un controllo.

Un’altra innovazione che interessa la Cina è la Smog Free Tower, una struttura alta 23 piedi in grado di purificare 30.000 metri cubi d’aria all’ora rimuovendo fino al 75% delle polveri sottili che contribuiscono allo smog.