di Vanna Carlucci

Quando parliamo di intrattenimento ormai la nostra mente è già proiettata verso immagini e invenzioni che sono sempre in divenire, in continua evoluzione. Immersi come siamo nel vasto spazio tecnologico fatta da una rete interattiva così fitta da perdersi, è necessario magari focalizzare i centri nevralgici attraverso cui si svilupperà l’intrattenimento del futuro. Diverse, infatti sono le aziende che investono su questa prospettiva multimediale; ecco i principali trend che secondo gli esperti caratterizzeranno il gioco del futuro.

Pensiamo, ad esempio, alla Realtà Virtuale: essa consiste in una simulazione realistica di qualcosa che non esiste, e nasce dall’unione di hardware e software che creano una dimensione vissuta dall’utente attraverso l’utilizzo di specifici strumenti, come i visori VR o gli accessori quali guanti, scarpe o joypad. Vivere l’esperienza di essere completamente dentro un’altra realtà è già un fenomeno ben collaudato nel presente, ma per l’intrattenimento si sta pensando a nuove soluzioni, come ad esempio la creazione di auricolari che rendano più realistica la percezione della distanza dalla fonte suono.

Altri strumenti interattivi sono sicuramente le tecnologie legate alla Realtà Aumentata, che ci da una percezione della realtà molto più forte e dettagliata rispetto alla visione “standard” che noi possediamo. Si tratta di un miglioramento e di una nitidezza dell’immagine fuori dalla norma. A questo proposito Microsoft HoloLens ha sviluppato sensori multipli, ottiche avanzate, così come stanno facendo Apple e Google.

Un'altra parola chiave è HDR, e cioè l’high dynamic range: significa “elevata gamma dinamica” e ha la capacità di migliorare sensibilmente la qualità dei singoli pixel di un’immagine o video. Gli schermi HDR vengono utilizzati da Dolby e Technicolor, ma anche da Sharp, Samsung e Vizio per essere sfruttati anche nelle sale cinematografiche.

A tutto questo si aggiunga il Real-Time Rendering cloud - utilizzato ad esempio dal regista Robert Zemeckis per il film The Walk - che ricrea immagini ed effetti visivi in poco tempo. La stessa Microsoft si sta concentrando sulle applicazioni di questo software per i videogiochi.

Infine ci sono apparecchi Light Field che danno la possibilità di modificare l’esposizione, il fuoco e l’apertura dopo aver scattato una fotografia. Si tratta di un prodotto che può accelerare il lavoro di ripresa cinematografica: aziende come Otoy, Lytro (che ha creato una camera con un sensore da 40 megarays) e Nvidia hanno messo in commercio diversi tipi di camera e accessori.

E se ancora non sappiamo quali altre novità ci riserverà l'intrattenimento del futuro, abbiamo la certezza che scoprirlo sarà molto divertente.