Simone Rainer, classe ’85, altoatesino, trapiantato a Milano.

Fin da piccolo si lascia affascinare dal mondo della manualità e dell'artigianato: da una parte la nonna sarta e dall'altra il nonno fabbro. Nel frattempo un percorso di studi scientifico, per poi seguire un corso di modellista e sartoria a Milano. Così l’incontro fortuito con il mondo della pelletteria. Una sorta di amore a prima vista, che non abbandonerà più.

Una prima grande esperienza e vera sua scuola in casa Vuitton, per la linea MARC JACOBS, poi la direzione dello studio creativo di IDEE PARTNERS, centro di ricerca, sviluppo e produzione per il mondo pelletteria e calzatura, dal 2008 ad oggi. Nel frattempo consulenze sempre nel mondo dell’accessorio per diversi brand quali: MISSONI, JIL SANDER, DIESEL.

Ma la voglia di sperimentare nel campo della pelle e dell'accessorio spinge Simone Rainer nel 2011 a fondare il brand omonimo dando forza all’idea di unire due mondi lontani, quello della pelletteria made in Italy, dal sapore di tradizione e manualità a quello più astratto della geometria. Nasce così una collezione di pelletteria, che si sviluppa quasi in maniera ossessiva grazie a ragionamenti numerici, attorno ad una stessa proporzione: la sezione aurea. Ne risulta uno sviluppo concreto ed estetizzante di proporzioni matematiche, che insite in natura e radicate nell’estetica occidentale, sono sinonimo di bellezza e perfezione. Dal gusto quasi enigmatico ed ancestrale il prodotto è pregno di riferimenti scientifici e chimici, che mettono in luce i materiali e ne giustificano la loro esistenza.

Una passione quella di Simone Rainer, che riesce a spingere il prodotto in una direzione nuova: il piacere della sperimentazione su un materiale vivo come la pelle, la concezione di accessori e "spazi funzionali" innovativi, la poetica magnetica che rende le sue creazioni oggetto del desiderio.