di Caterina Vasaturo

Che sia per diletto, per studio o per lavoro, l’arte della lettura non tramonterà mai. Però è ‘costretta’ a evolversi e a modernizzarsi, proprio come il pubblico a cui si rivolge. Solo in questo modo evita di autocondannarsi a uno stato di abbandono. Ci riesce grazie agli investimenti di start-up all’avanguardia. Prima fra tutte, la Rakuten Kobo, acquirente della rivoluzionaria Shelfie. L’app canadese ha uno scopo preciso: cancellare una volta per tutte il conflitto tra l’inchiostro e l’e-paper, fornendo agli utenti una copia virtuale dei libri cartacei in loro possesso. Per riuscire nell’intento, si serve di una semplice fotocamera. Basta, infatti, scattare una panoramica della propria biblioteca personale ed ecco fatto. I titoli inquadrati sono prima scansionati, poi riconosciuti da un sofisticato algoritmo e infine affiancati dagli equivalenti elettronici. La capacità di decodifica delle immagini ritratte lascia sbalorditi.

Eppure non c’è da stupirsi. Ormai la diatriba digitale-cartaceo è superata ed è inutile capire se è in atto un’involuzione o un’evoluzione della lettura. Il libro continua a vivere in entrambi i formati, soddisfacendo ancora di più le multiformi esigenze dei lettori, che si muovono con fluidità tra una dimensione e l’altra. Non solo gli utenti possono accedere alle loro collezioni tramite la piattaforma Kobo, ma possono tenere traccia anche delle letture cartacee grazie ai sistemi operativi Android e iOS. Inoltre, i titoli letti in formato fisico consentono alla company di Toronto di conoscere meglio i gusti del cliente, così da poter consigliare letture pertinenti, magari offrendo sconti o omaggi sulle versioni digitali. Michael Tamblyn, amministratore delegato di Rakuten Kobo, manifesta l’approccio totalizzante alla lettura da parte dell’azienda, nella scelta di non ignorare la storia da lettore cartaceo: la collezione di cui già si dispone è valorizzata da un inventario in formato digitale. Con la tecnologia Shelfie, l’avidità dei lettori più insaziabili è placata. Il fruscio delle pagine e l’irresistibile fascino della carta stampata si fonde alla praticità e all’utilità delle versioni elettroniche. E il grande universo della lettura si arricchisce e si rinnova, nel segno del futuro.