Per la prossima edizione della Milan Design Week, Audi porrà il suo quartier generale nella prestigiosa location di Corso Venezia 11 a Milano, aperta per la prima volta dopo secoli a tutta la città. La Casa dei quattro anelli si confronterà sul palco dell’Audi City Lab con le menti più brillanti del nostro tempo, come Philippe Daverio, Andrea Lissoni, Jakob Lange e Carlo Ratti, per approfondire e discutere delle ultime innovazioni sulla mobilità di domani e sul rapporto tra l’uomo e l’Intelligenza Artificiale. Lo farà con Future needs stories, attraverso storie che parlano di comunicazione, arti visive, innovazione, e molto altro. L'evento si svolgerà il 5 e il 6 aprile in due serate speciali: Artificial Intelligence vs Augmented Humanity e Science Fiction vs Science, due appuntamenti condotti da Monica Maggioni e Timothy O’Connell che, insieme ai protagonisti di questa quinta edizione di Audi City Lab, affronteranno temi legati all’imminente rivoluzione della tecnologia.

 

All’interno del cortile di Corso Venezia 11, dal 4 al 9 aprile, insieme a tutti i modelli della nuova famiglia Audi A5 sarà esposta anche l’opera Sonic Pendulum firmata da Yuri Suzuki, un'installazione satellite che gioca con i rumori dell'ambiente per crearne di nuovi e sorprendenti.

Anche quest’anno la luce giocherà un ruolo fondamentale: dopo aver illuminato Torre Velasca, infatti, Ingo Maurer e Axel Schmid interpretano il portale barocco dell’ingresso di Corso Venezia 11. Un rosso sfavillante mette in evidenza, anche simbolicamente, l’ingresso storico dell’edificio, un tempo luogo di studio e simbolo della cultura, oggi soglia di accesso al laboratorio di idee Audi. La scelta del rosso vuole creare una presenza inaspettata tra le architetture adiacenti: l’illuminazione ne enfatizza i contrasti, rendendole immateriali e fluttuanti rispetto al fondale. E ancora, la luce si accentua sul capo delle cariatidi, per evidenziare la connessione con il tema dell’Intelligenza Artificiale.

Un pendolo bidimensionale in metallo, inoltre, svetta come una scultura da una pedana in legno e rimanda nella forma a Sonic Pendulum, l'installazione sonora progettata da Yuri Suzuki per Audi City Lab 2017. L'opera satellite evoca la leggera struttura di sostegno e il pendolo, composto da una cassa acustica che, nell'installazione di Suzuki, oscilla emettendo un suono sempre diverso e in relazione con i rumori dell'ambiente. Il sottofondo sonoro sarà invece creato da un algoritmo digitale. L'installazione satellite, con la sua forma astratta ed evocativa, vuole incuriosire gli spettatori e invitarli a visitare l'opera principale.

Per scoprire il futuro non serve andare lontano.

Segui il live streaming dei talk all’#AudiCityLab il 5 e il 6 aprile dalle 20