Le Cicogne nasce da un’idea di Monica Archibugi, allora studentessa di economia sanitaria e babysitter. La mamma della famiglia per cui lavorava, chiese a Monica di prendere la figlia a tennis due volte a settimana. Monica diede a questo servizio il nome di “BabyTaxi”. La mamma era così entusiasta che sparse la voce con tutte le sue amiche: ben presto Monica iniziò ad avere tantissime offerte di lavoro, e non riuscendo a far fronte a tutte, iniziò a girarle alle sue amiche, e poi alle amiche delle amiche. I genitori si fidavano di Monica, che in poco tempo diventò il punto di riferimento del quartiere: aveva scoperto che riusciva a mettere in contatto persone che abitavano anche l’una di fronte all’altra, avevano bisogni perfettamente complementari, ma non si conoscevano. Monica pensò che non era possibile che non esistesse un punto di incontro virtuale, e decise così di creare un sito: www.lecicogne.net, che mette oggi in contatto le mamme che hanno bisogno di aiuto con i loro figli con le babysitter del quartiere.

Le Cicogne vuole aiutare in particolare i giovani a trovare un lavoro che sia flessibile e compatibile con i loro impegni, quali lo studio. Le Cicogne sono infatti tutti ragazzi tra i 18 e i 30 anni, pronti a mettersi in gioco e prendersi cura dei bambini in maniera responsabile ma creativa.

Monica si accorse subito che per dare vita al suo progetto aveva bisogno di persone che la accompagnassero in questo percorso. Decise così di presentare la sua candidatura ad InnovAction Lab, un percorso interuniversitario che insegna a trasformare un’idea in una vera e propria impresa. Ad InnovAction Lab Monica incontra Giulia, studentessa di General Management e Valentina, studentessa di Informatica e insieme decidono di portare avanti l’idea di startup. Le Cicogne vincono il terzo premio alla finale Nazionale di InnovAction Lab 2012, votate da una giuria di investitori. Durante l’estate Monica Valentina e Giulia si guardano intorno e capiscono cosa vogliono fare del loro progetto: decidono di fare application per entrare nel programma di accelerazione di LUISSEnlabs, acceleratore d’impresa situato a Roma Termini. Dopo dure prove dinanzi agli investitori, Le Cicogne viene accettato nel programma di accelerazione e viene finanziato con un primo micro-seed di 50K da parte di LVenture Group.

Il programma di accelerazione inizia a gennaio 2013 e termina a luglio 2013. In questo semestre Le Cicogne costituisce una società a responsabilità limitata, va online con il nuovo sito e inizia ad avere i primi utenti e clienti sul territorio romano. A settembre 2013, con l’inizio delle scuole, le domande da parte dei genitori iniziano a crescere. A dicembre il team de Le Cicogne decide di fare un altro importante passo, lanciando il servizio anche sulla città di Milano.

Il progetto de Le Cicogne ha vinto il bando FILAS Spin-off da ricerca. Dopo aver avuto una prima esperienza con una piccola campagna di crowdfunding su Eppela.com andata a buon fine, Le Cicogne ha presentato il proprio progetto anche su SiamoSoci.it, piattaforma che mette in contatto progetti di startup con una platea virtuale di investitori. Il team ha raccolto tramite SiamoSoci 85K ad agosto 2014 e sta sviluppando l’applicazione mobile. Ora è in cerca di un round di finanziamento più consistente (600K) che permetteranno a Le Cicogne di arrivare su tutta Italia.

Fino ad oggi, Le Cicogne ha permesso a più di 1200 genitori di trovare la babysitter perfetta e conta sul sito più di 900 babysitter registrate e che hanno trovato lavoro grazie alla startup.